25.11.2017 > Home > Universita` > Notizie ed iniziative
Sedi provinciali
Notizie e iniziative
Universita'
notizie ed iniziative
organizzazione
contratti integrativi
Scuola statale
Ricerca
Dirigenti scolastici
Formazione professionale
Scuola non statale
Conservatori ed accademie
Politiche confederali
Precariato
CGIL scuola nazionale
CGIL Lombardia
Fondo Espero


Notizie ed iniziative

15-04-2016
Firmato l’11 Aprile anche dalla CGIL l’Accordo in Regione Lombardia per la disciplina dei profili per l’Apprendistato di alta formazione e di ricerca ( apprendistato di III livello).


L’accordo è stato firmato in base a quanto previsto dall'art. 45 del Decreto Legislativo 15 giugno 2015 n. 81.

L’11 Aprile scorso CGIL Lombardia, dopo un confronto anche con la FLC, ha firmato l'accordo sull'Apprendistato di III livello in base a quanto previsto dall'art. 45 del Decreto Legislativo 15 giugno 2015 n. 81.





A differenza dell’apprendistato di I livello e professionalizzante, la regolamentazione e la durata del periodo di apprendistato di III livello è rimessa alle Regioni per i soli profili che attengono alla formazione, in accordo con le associazioni territoriali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, le università, gli istituti tecnici superiori e le altre istituzioni formative o di ricerca.

Con tale accordo si è così evitato che l'attivazione dell'apprendistato di alta formazione e di ricerca fosse rimessa solo ad apposite convenzioni stipulate dai singoli datori di lavoro o dalle loro associazioni con le università, gli istituti tecnici superiori e le altre istituzioni formative o di ricerca.



Anche sull’apprendistato di III livello, Regione Lombardia è partita in anticipo rispetto ad altri territori. Infatti aveva in corso una sperimentazione ( conclusasi lo scorso Dicembre) del contratto di apprendistato ai sensi dell’art. 5, D.lgs. 167/2011 che ha visto l’approvazione di progetti di Master di I e II livello, di Dottorato di ricerca e di percorsi per la Laurea.



Un accordo regionale similare era già stato firmato da CGIL Lombardia nel 2014.

In particolare al 31 dicembre 2015 sono stati attivati i seguenti contratti di apprendistato di III livello: 235 master di I e II livello, 37 dottorati, 22 lauree e 17 contratti di apprendistato di ricerca.



Numeri non rilevantissimi, ma che Regione Lombardia giudica positivi a tal punto che, oltre a questa nuova opportunità creata dall’art. 45 del D.lgs 81, la Regione ha stanziato 2,5 milioni di euro con la nuova DUL per prendere un Master indipendentemente dall’età.



 
Ritornando all’accordo firmato, la CGIL, durante la trattativa, si è premurata di apportare miglioramenti al testo originario proposto in prima battuta dalla Regione.



Come intuibile, non tutti i "suggerimenti" CGIL sono stati accolti, ma alcuni, importanti, sono stati recepiti, come la cancellazione dal testo del passaggio "spinoso" che prevedeva che “ in assenza di recepimento della disciplina specifica sull’apprendistato all’interno del CCNL si fa riferimento alla contrattazione del settore di riferimento affine”.



Con questa cancellazione, pertanto, si rimanda esclusivamente a quanto previsto dal D.lgs. 81/05, delegando la partita della retribuzione delle ore di formazione interna ed esterna anche alla contrattazione collettiva (per la CGIL nazionale) specifica di settore.



Oltre a ciò è stata accolta anche una richiesta  d’integrazione  che ha evitato il riconoscimento "spinto" del valore formativo in assetto lavorativo della formazione interna che, nel testo originario, si dava per " scontato" a prescindere dalla “mediazione” con il titolare dell’Istituzione formativa tramite il Piano Formativo Individuale.



Tutto sommato, quindi, è stato trovato un punto di equilibrio accettabile per i soggetti d'età compresa tra i 18 e i 29 anni  che desiderano, in un contesto lavorativo, conseguire i seguenti titoli:



-Diploma di Istruzione Tecnica Superiore



-Lauree Triennali e Magistrali;



-Master di I e II Livello



-Dottorati;



-Alta Formazione Artistica e Musicale (AFAM);



-Attività di Ricerca;



-Accesso alle professioni ordinistiche.

La CGIL, infatti, dopo un confronto anche con la FLC CGIL della Lombardia, ha ribadito di non essere contraria al potenziamento della laborialità se questa amplia le possibilità di "imparare facendo", favorendo al contempo il successo formativo e l'apprendimento delle competenze in un ambiente di lavoro che rispetta standard idonei, precisi e vincolanti.

In allegato il testo dell'accordo non ancora completo delle firme di tutte le componenti sociali e formativi che hanno aderito.



File allegati
alla_firma_accordo_terzo_livello_app.pdf pdf - 333,75 Kb -

 
 
FLC CGIL lombardia - via Palmanova, 22 Milano
 +39 0299265089  +39 0299265080
  flc@cgil.lombardia.it
Powered by Tomato Interactive / Contactlab